BOLLEGGIANDO…

...la cura funziona

fiamma costante

regolata al minimo

al latte impedisce

tracimare fuori

schiumeggia bianco

il liquido

pur resta

stipato nel pentolino

arde il fuoco

inacidisce_cuoce

ne svapora le gocce

priva di forze_ustiona

sfinisce_svilisce

ne corrompe essenza

prima o poi

arriverà

fatale

la tracimazione…

GIUGNO

GIUGNO


…spandeva luce
Giugno
candida e viva
di colore
campi di lavanda
sassi maturati al sole

polvere rosa a terra
fii di fumo al fuoco
spicchi d’azzurro
e slanci
di foglie verdi al cielo
macchie i papaveri
germogliati al mattino
si toccò le spalle

non si sa mai
spuntassero
ali sulla schiena


nell’acqua del fiume fresca

pescava con la schiumarola
niente affiorava
neppure un suono
nemmeno una parola
le si commosse il petto
fino al cuore
calmo il silenzio
a picco il sole
si guardò intorno
e si sentì più sola
era sparita anch’essa
a mezzogiorno
l’ ombra…

IMMAGINA- quel canto degli uccelli in tutto il mondo uguale… (olio 90×110)

immaginati ostrica

il canto grave in te

è la perla con cui

gli scarti dolorosi

rivesti di Bellezza

 

immaginati farfalla

polvere d’oro ammanti

di pudori poesie

breve di Vita dipingi

animate tele di spazi infiniti

 

immaginati rondine

piccola croce nera

di sperati ritorni

con ali di raso tetro

rimi su carta di cielo

 

immaginati usignolo

ode rinata ai mattini

saluti tutti i fiori

anche quelli dei rovi

del pan di serpe, le ortiche

 

sul filo spinato tagliente 

oscillano gli uccelli

pure se non c’è vento

intonano di Vita un canto

uguale in tutto questo mondo

 

da consonanze avulso

di nefandezze tronfio…

“SORRISI A LABBRA STRETTE: su e giù per i vicoli con la maglia del pigiamino”

… se vuoi trovar felicità
resta fanciullo e la vedrai
dice fortunato il figlio di papà-
ma è inospitale il mondo
fallisce l’umanità
quando negli occhi d’un figlio 
non c’è serenità
d’attese viola patti
infrange solidarietà
intacca integrità
cemento umido
ogni bambino reca
impronte di quel
che l’ha colpito
fiore senza giardino
sorriso a denti stretti
pietra che disperata cerca
gemmare di Bellezza
disegna
parole come fumetti
con sguardi e con le mani
su quello spicchio d’azzurro
scoramento sfumato di cielo 
ch’ appena s’intravede
tra i vichi bui e stretti
del misero quartiere…

FOTOGRAMMI

il tuo non_dire
il mio non_parlare

 

divide la mia aria


il tuo respiro

il battito delle mie ciglia

la pelle tua rinfresca

al lieve sfiorarsi

la mente mia vola

dentro la tua

nel cuore tuo

le mie fantasie

 

fotogrammi usurati


ripetono il nostro film

puro desideri
o

che non regala sorrisi

 

è amore l’attrazione


o vana consolazione?…
(personale elaborazione fotografica protetta da copyright
.

MIRAGGI

… disegnavo e cancellavo
cancellavo e disegnavo
inverni d’arance
prati di farfalle
ciliegi fioriti nella sera
parabola di novella stagione
miraggio
nel deserto della ragione

 

chissà

se avessi fermato l’alba

all’uscita del buio

prima di non partire

prima di avere fretta

prima di ogni prima

chissà

ma quel ch’è passato

ormai è cosa persa

bottiglia vuota dell’avanti successo

ronzio di colibrì

che appena riesci a vedere

tarme morte stasera

che mai conosceranno Primavera

 

carezze nelle mie parole


che quando si è soli

diventano rumori

canzone ferita

alito a pelo d’acqua

appuntite scaglie di te

coagulate dentro le mie vene…
(“MIRAGGI” – china e olio su tela 80X100)

SEI

… sei

quella parola all’orecchio

tra “mi manchi” 

e “mi sei mancato”

nell’incavo collo/spalla sussurrata

 

sei

quell’istante in corsa lenta

tra possibile e inevitabile

con mani delicate sulla pelle e guance

arrossate dal piacere delle dita

 

sei

quel sussurro che nasce

prima di giungere alle labbra

ubriaco di penombre e di respiri

nel battito accelerato d’un amplesso

 

(personale elaborazione fotografica coperta da Copyright)

MUSICA E BALLO

…un passo avanti_un passo indietro

 

vortici d’aroma dolce/amaro

così come i contrasti della Vita

 

su tele bianche di silenzio

di musica dipinti suoni vivi

 

chiavi di violino aprono cassetti

contenitor segreti d’emozioni

 

dentro si trova nome all’innominabile

e gesti per comunicar l’inconoscibile

 

un passo avanti_un passo indietro

 

la danza ci riporta al prima

in quel momento in cui ci porta al poi

 

unisono di nostalgia e speranza

ogni nota è battito di cuore

 

pentagramma ch’è anche cardiogramma

colonna sonora musicale d’ogni Vita…

 

(olio su tela 50×60 con spartito materico “38 luglio” degli Squallor)

 

SULLE MIE LABBRA

… potresti sulle mie labbra

trovar parole

timide emozioni bagnate

di rugiada

ad arginare sponde

 

potresti trovare sospiri

in cerca di verità

tremanti sulla pelle

nel pronunciar

il tuo nome

 

potresti trovare nei lembi

della mia bocca il taglio

di un rasoio

che ci recida

entrambi…

 

(personale elaborazione fotografica protetta da copyright)