ESTATE

ESTATE

Si spegne l’estate

dopo la frenesia del Ferragosto

candela al soffio

di un tagliente vento

scorta ad un cielo plumbeo

Pungente la pioggia

fine e fitta

ondeggia alle raffiche

come opachi

lenzuoli grigi

Stille insistenti s’infrangono

sulle sedie vuote dei bar

le piste da ballo silenziose

le spiagge nude d’ombrelloni

con rumore di martellìo

Crestato di spuma

il grigio-verde mare

balza impetuoso

lungo la riva

contro il parapetto

Gabbiani

rovesciati a valanga

vagano alti sui tetti

ad ali tese

lamentandosi queruli

Cabine vuote

volgono facce di legno

al mare

fauci aperte

le porte spalancate

dove avide

si frantumano sibilando

le onde…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...